Torino-Bologna: peggio di così non poteva andare

06.01.2018 14:35 di Gianluca Sarti Twitter:   articolo letto 62 volte
Torino-Bologna: peggio di così non poteva andare

Il Bologna perde il primo incontro di questo nuovo anno: a Torino i granata si impongono 3-0.

Il primo tempo di questa partita è definibile, senza timore di smentite, come il peggiore della stagione rossoblù: la squadra di Donadoni parte schierata con il 4-2-3-1, che inizialmente potrebbe sembrare una mossa interessante ma che, alla fine, non fa altro che annullare del tutto il centrocampo felsineo, il quale aveva trovato la propria dimensione migliore con lo schieramento a tre e che viene completamente annullato in qualsiasi fase di gioco. In quella difensiva è completamente schiacciato da un Torino che, per quanto più propositivo e fresco di un nuovo allenatore sulla panchina, non è così superiore al Bologna, come dimostrato dalla classifica; mentre per quanto riguarda la costruzione delle manovre offensive il reparto centrale sembra non esistere, due sole sono le alternative: o il pallone lo scavalca per venire recuperato dalla difesa granata, oppure viene perso e recuperato dal centrocampo avversario. 
Nonostante i rossoblù cerchino di farsi vedere nella trequarti difensiva avversaria, soprattutto grazie alla classe di Rodrigo Palacio, qualsiasi tentativo non si concretizza mai in un’azione pericolosa degna di questo nome. 
Allo stesso modo anche la difesa sembra non avere la stessa solidità che invece era stata mostrata in altre occasioni, ed ecco quindi che il Torino legittima quanto fatto di buono -praticamente tutto- in questo primo tempo con il gol di De Silvestri al 38esimo minuto.

Impietose sono le statistiche principali (fonte Forza Football):
possesso palla: Torino 73%, Bologna 27%
tiri (in porta): Torino 6(2), Bologna 1(1) 
calci d’angolo: Torino 3, Bologna 1

La seconda frazione, se possibile, prosegue anche in maniera peggiore: dopo pochissimi minuti, grazie probabilmente anche ad una misteriosa congiunzione astrale, il VAR prende una decisione mai vista fin qui in campionato ed assegna un rigore al Bologna, ma prontamente Sirigu para il rigore calciato da Pulgar e mantiene la propria porta inviolata. 
Seguendo lo stesso copione del primo tempo il Torino domina l'incontro e, meritatamente, trova prima il 2-0 al 53esimo ed il 3-0 all'85esimo, rispettivamente con Niang e Iago Falque. In mezzo a queste due reti si potrebbe anche scorgere anche una flebile reazione del Bologna che, con il ritorno al 4-3-3, sembra essere leggermente più propositivo, peccato che tutto ciò avvenga a partita ormai chiusa. 
Infine, i 5 minuti di recupero concessi dall'arbitro -giustissimi, per carità- sembrano soltanto un'eccessiva punizione per i tifosi rossoblù, costretti ad osservare ancora meglio la partita del Torino che va anche vicino al meritato 4-0, senza però trovarlo. 

Si conclude così quella che nessuno esiterebbe a definire come la peggior partita di questa stagione. "Chi ben comincia è a metà dell'opera", si dice. Ecco, speriamo di no.