Ladislav Krejci: Un sorriso contagioso e il vizio dell'assist

 di Gianluca Sarti Twitter:   articolo letto 1188 volte
Ladislav Krejci: Un sorriso contagioso e il vizio dell'assist

Con la palla regalata a Taider per il 2-0 di domenica, Ladislav Krejci ha messo a segno l'ottavo assist della stagione, confermandosi come, per quanto riguarda questa specialità, il miglior elemento rossoblù e fra i migliori dell'intera lega. 
Aggiungendo inoltre a questi assist i due gol segnati - uno in campionato, su rigore, ed uno in Coppa Italia - e il grande impegno messo in mostra domenica dopo domenica, percorrendo l'intera fascia sinistra come il miglior Secretariant, risulta chiaro come mai il ceco sia tra i beniamini dei tifosi rossoblù e, spesso, nella top 3 degli MVP di giornata del Bologna. 

Arrivato senza troppe aspettative, almeno da parte di chi, comprensibilmente, non usa seguire il campionato ceco, in estate dallo Sparta Praga, l'esterno classe '92 sembrava comunque già promettere molto bene, con un bottino personale di 35 gol e 35 assist messi a referto nella squadra che l'ha visto crescere e formarsi come calciatore dall'indiscutibile talento, ed infatti, proprio nella partita di esordio, in Coppa Italia contro il Trapani, si presenta al nuovo pubblico con un gol che, oltre ad aprire le marcature dell'incontro, sarà anche la prima rete ufficiale del Bologna Football Club di questa stagione. 

Un esordio da predestinato, si potrebbe dire. Chissà quante altre volte, questo ragazzo biondo che corre come un treno, concluderà la palla in rete? Soltanto in un'altra occasione, per ora. Si potrebbe dire due, se non gli fosse stato ingiustamente annullato un gol per fuorigioco. Ma questo, forse, al biondino che ha un sorriso contagioso e anche quando dovrebbe essere arrabbiato tradisce uno sguardo dolce e pacato, non interessa. 
E non tanto perché non gli interessi il Bologna o Bologna - ma di questo ne riparleremo più avanti - o perché non si senta soddisfatto dalla Serie A - d'altro canto, può un giovane ceco che studia Nedved non apprezzare il campionato italiano? - ma semplicemente perché, Ladislav, probabilmente preferisce gli assist. 
E quel tono di incertezza si potrebbe anche abbandonare, se non fosse che la più totale certezza non fa mai parte delle belle storie e che anche Cyrano de Bergerac, forse il più famoso - se mi perdonate il paragone - assistman della storia, ha sempre compiuto le sue azioni per amore e non soltanto per spirito altruista. 
Quindi, proprio come il personaggio di Rostand, forse anche il nostro Lada fonda le proprie qualità sull'amore per il gol, per questo gioco e, perché no, magari anche per Bologna. 

L'aver citato anche l'amore per Bologna potrebbe sembrare giustamente esagerato, soprattutto se si parla di un giovane nato a Praga e trasferitosi sotto le Due Torri da meno di un anno, ma le varie foto postate dal calciatore e dalla sua compagna sui social network, unite ai racconti di chi lo ha potuto incontrare girovagando per le vie di Bologna, sembrano trasmettere il contrario. 
Certo, un quadro non sarà mai lo specchio della propria anima, a meno che non ti chiami Dorian Gray, ma, avendo voluto azzardare il paragone con Cyrano, perché non aggiungere un po' di romanticismo a questa storia?