Contrapposizioni

07.08.2018 16:22 di Gianluca Sarti Twitter:   articolo letto 82 volte
Contrapposizioni

contrappoṡizióne s. f. [der. di contrapporre]. – 1. Il contrapporre, l’esser contrapposto: c. di concetti, d’immagini, di argomenti; rilevare per c. la discordanza fra due documenti. Anche in senso materiale: c. di due elementi affrontati; in araldica, si ha c. di figure quando queste nello scudo sono collocate in posizione reciproca, alternata o opposta. 2. Nella logica scolastica, conversione di un giudizio in un altro, che si ottiene negando il suo contrario e procedendo quindi a convertirlo. [Treccani]

Se esistono diversi termini capaci di sintetizzare al meglio determinati periodi storici riguardanti determinati mondi, ed esistono, contrapposizione è quello che meglio si riflette nell'estate calcistica 2018 nel suo insieme.

A partire dal confronto tra il Napoli sarrista ed il nuovo Napoli di Ancelotti, oppure prendendo in  considerazione il CR7 bianconero e quello galactico, ma questo discorso può riguardare anche la Juventus pre e post CR7, il Chelsea di Sarri e quello di Conte, la vecchia Serie A anni '90 e quella attuale, che nuovamente sta ricominciando a popolarsi di gioielli dalla massima caratura, e via discorrendo. 

Se questo discorso si applica, come già detto, all'universo calcio, vediamo come esso si può applicare anche al, perdonate l'autocitazione non voluta, Pianeta Bologna: 

Sul campo, con il neonato Bologna di Inzaghi che viene contrapposto al, e non soltanto ad esso, Bologna di Donadoni. Il secondo era quello più, se mi passate il termine, disprezzato e criticato, e che a causa di questi sentimenti ha subito una damnatio memoriae che, seguendo alla lettera il proprio significato, ha portato molti a dimenticare completamente come quel Bologna scendesse in campo e le reazioni che generava in molti di quelli che ora quasi lo rimpiangono, sottolineando come la qualità della rosa sia diminuita e stravolta, ma che prima si auguravano proprio una corposa rivoluzione per quanto riguarda la panchina e la lista dei 25.

Sulla carta stampata e l'opinione pubblica, rappresentata - forse al meglio, forse no - dai social network, dove vengono stravolti discorsi ufficiali, dove una notizia un giorno dipinge un quadro ed il giorno successivo mostra la sua immagine  attraverso uno specchio, dove un concetto può rappresentare tutto ed il contrario di tutto a seconda del fruitore. 
Come nel punto precedente, si potrebbero portare esempi. ma ciò implicherebbe l'intraprendere una strada decisamente più ardua lungo la quale è alto il rischio di perdere quella minima sensazione di essere super partes che chiunque decida di scrivere per raccontare qualcosa crede di avere, dunque quest'ultimo lavoro lo si lascia al lettore, con la consapevolezza che questi esempi sono sotto gli occhi di tutti ogni giorno, ed è quindi superfluo perdere tempo alla ricerca di essi.